01 agosto 2007

Cane che tranquillizza il gatto mentre aspettano il veterinario

Cane che tranquillizza il gatto mentre aspettano il veterinario.

16 commenti:

  1. Oppure cane che cerca di convincere gatto dei vantaggi della vita domestica (versione cinofelina della storiella del cane e del lupo...).

    RispondiElimina
  2. "Su, vedrai, il dottore ha detto che si riprenderà..."

    RispondiElimina
  3. Chiara: mi cogli alla sprovvista. Cosa diceva il cane al lupo?
    Spostata: dici che il gatto è preoccupato per qualcuno? Credo tu stia sottovalutando il naturale egoismo felino.

    RispondiElimina
  4. Lupus ad canem (Fedro, Favole, Libro III, 7)

    Quam dulcis sit libertas breviter proloquar (1):
    un giorno un lupo smagrito e affamato si imbatte in un cane paffuto. E il lupo chiede al cane: “Come mai sì lustro? \ e con che nutrimento ti fai sì corpacciuto?” (4-5). Il cane gli risponde che è sufficiente prestare servizio come custode dell’uscio del suo padrone per diventare altrettanto pasciuto e lustro. È sufficiente proteggere la casa dai ladri per avere cibo in quantità. Il lupo è attratto da questa prospettiva (“Ma sì, son pronto; or vita aspra traendo \ nevi e piogge patisco nella selva. \ Quanto più facile sarà mio vivere sotto un riparo e d’abbondante cibo \ satollarmi ozioso!”, 11-14), e segue volentieri il cane. Ma quando vede il segno della catena che solca il collo del cane, gli domanda la ragione. Allora scopre che il cane viene legato durante il giorno, e che al calar della notte viene slegato e nutrito con pane, ossi e diverse cibarie (“e allora senza sforzo \ si riempie il mio ventre”, 23-24). Il lupo, contrariato, gli domanda: “Di’, se ti viene il ticchio \ d’andartene a zonzo, t’è concesso?” (25). Alla risposta negativa del cane, il lupo rifiuta la rosea prospettiva di abbondante cibo in cambio della propria libertà: “goditi i tuoi vanti, cane: \ non voglio essere un re se non son libero” (26-27).

    RispondiElimina
  5. Chiara: grazie, adoro queste storie e mi accorgo che non ne ho lette abbastanza. Esco e vado a comprarmi Fedro. Nel tragitto, cercherò occasioni di dire "corpacciuto", che come aggettivo mi è piaciuto molto.
    Aggiungo che, vista la catena al collo del gatto, la tua teoria regge. Speriamo che il gatto rinsavisca prima che lo attacchino da qualche parte.

    RispondiElimina
  6. "Senti un po', cane, ma sa che io non son mica sicuro che "sterilizzazione" significa solo che mi disinfettano il pelo?

    RispondiElimina
  7. Confido nella inestirpabile intolleranza felina.
    Anche satollarmi ozioso non è male, come espressione e come attività ricreativa.

    RispondiElimina
  8. Eufrasia Cannelloni1/8/07 16:11

    per essere carini, sono carini ma, io non ci vedrei tutta questa dolcezza... il dalmata, noto cane dispettoso, sta convincendo il micio ad andare prima lui dal veterinario che poi lui lo seguirà...che bugiardo!

    RispondiElimina
  9. A Vicenza dicono spesso ai gatti che stanno andando dal veterinario.
    I cani lo sanno.

    RispondiElimina
  10. V: mi sembra un dialogo drammaticamente plausibile.
    Chiara: infatti, avevo messo in lista di dire anche "satollarmi ozioso"; sai, lì ho bisogno di un po' di aiuto.
    Eufrasia: ahi! ciò confermerebbe la teoria di V!
    Sgrignapola: sì, ma anche il cane deve stare attento; con tutti gli immigrati che si sono nel Nordest, hai visto mai che il veterinario è coreano.

    RispondiElimina
  11. Sul satollarsi oppure sull'ozioso? Cambia molto, e bisogna saperlo per venirti in aiuto.

    RispondiElimina
  12. Sul satollarsi. Siccome in genere mi devo satollare da me, è l'ozio senza aiuto che mi riesce difficile.

    RispondiElimina
  13. Federica2/8/07 17:58

    Hmm, servirebbe anche a me il dalmata che tranquillizza, i miei due cani quando andiamo dal veterinario creano il panico; una non vuole entrare, e stiamo parlando di un husky che ha forza da vendere, si impunta sulla zampe e per farla schiodare servono dei trabocchetti “astutissimi”, l’altro invece entra di corsa per scatenare il putiferio con gli altri animali in attesa. Insomma, diciamo che non passiamo inosservati . :D

    RispondiElimina
  14. (Secondo “hmm”).
    Filter, scusa, credo di aver fatto un pasticcio con l’indirizzo del mio blog, poi mi lamento dei miei cani che si fanno sempre riconoscere, mi sa che è vero che somigliano ai padroni . :D

    RispondiElimina
  15. Federica: più che un dalmata, mi sa che a te ci vuole la carica dei 101. ;-)
    Maria: vero?

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.