01 dicembre 2006

Cane in auto che approfitta dell'assenza del padrone

Cane in auto che approfitta dell'assenza del padrone.

14 commenti:

  1. Cane, peraltro, di formazione cattolica che non riesce a dissimulare il senso di colpa.

    Il padrone e' un criminale: lasciare che un giovane cosi' si strafoghi con il cibo di Taco Bell vuol dire giocare con la sua salute. E le casse della previdnza sociale americana.

    RispondiElimina
  2. Sgrignapola, è verissimo, la formazione cattolica ha spesso questo effetto sui cani: sensi di colpa fortissimi che però non impediscono di commettere l'atto. Anche il padrone del cane è cattolico e crede che tenersi in auto ben due bevande sia inutile consumismo. Quanto agli effetti dopo che il cane avrà bevuto un concentrato di carboidrati superiore alla sua stessa massa, beh, non ho cuore di pensarci.

    RispondiElimina
  3. porphyrios1/12/06 15:28

    a can of Pepsi? il che torna anche con la cattolicità, visto che parla la lingua lattina. ora quattroavemmarie per la battutaccia.

    RispondiElimina
  4. Porph, scherzi, a me i calembour scatenano la ridarella. Considera che la mia battuta preferita della storia del cinema è: "Moet Chandon!" "Eh, poi entro io". Stava in un film di Franco e Ciccio. Poi "can" mi ricorda subito "el can de Trieste". Un altro cane che beveva.

    RispondiElimina
  5. Le tue foto sempre più mi fan venire la voglia di avere ancora dei cani.

    RispondiElimina
  6. Gloriamundi, come mai ora sei senza? Ho sempre pensato che quella dei cani fosse una strada senza ritorno: se ne hai uno, poi vuoi averne per il resto della vita.

    RispondiElimina
  7. Ero io. Maledetto Blogger che posta i commenti se pasticci sulla tastiera.

    RispondiElimina
  8. Infatti è così.
    Ma costringerli alla ristrettezza di un appartamento, anche se piuttosto ampio, mi pare una crudeltà.

    Mentre prima (del trasloco), con un cortile e un giardino, potevano scorrazzare in pace.

    RispondiElimina
  9. Loforestieroprolisso2/12/06 21:07

    Considera che la mia battuta preferita della storia del cinema è: "Moet Chandon!" "Eh, poi entro io".

    Non la conoscevo. Ed è magnifica!
    Sto sghignazzando a oltranza.

    RispondiElimina
  10. Gloriamundi, capisco.
    LoForestieroProlisso, un giorno qualche intellettuale rivaluterà Franco e Ciccio.

    RispondiElimina
  11. Peraltro, da parte del cane gettarsi così avidamente sulla roba di taco bell è un gesto che denota una imperdonabile mancanza di stile. Eppure l'animale ha tratti nobili. Scommetto che è la frequentazione di un padrone americano ad averlo rovinato.

    RispondiElimina
  12. Davide, si sa che l'America corrompe. Visto che si parla di storia del cinema, come non ricordare Sordi "americano a Roma" che sostituiva un bicchiere di latte ai "macaroni".
    Beh, tentava di sostituire.

    RispondiElimina
  13. Certo che con le porzioni americane gigantesche viene la tentazione di fare a mezzi con il bassotto..

    RispondiElimina
  14. Ladra di caramelle, se il padrone non torna presto in macchina quel bassotto non si accontenterà della metà.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.