04 maggio 2007

Coccodrillo che si è messo comodo

Coccodrillo che si è messo comodo.

18 commenti:

  1. il coccodrillo sta imitando il varano di Komodo. è una cosa tra rettili, una freddura per ridere, cose che noi non possiamo capire bene.

    RispondiElimina
  2. Porph: ora lo vedo anch'io! Sta per scappargli una ridarella!

    RispondiElimina
  3. Sono innamorati...la societa' li rifiuta...ma loro se ne fregano e si abbracciano stretti stretti...per come possono;)

    RispondiElimina
  4. La tartaruga, nonostante la splendida giacca di coccodrillo, non pare contentissima. D'altronde, chi la fa l'aspetti

    RispondiElimina
  5. Che belle queste foto!

    Ma, a parte alcune che riportano l'autore, dove le prendete?

    Ciao,
    Giovanni

    RispondiElimina
  6. Maria: si, però lei fa proprio il tappetino.
    V: dici che è lei? Finalmente un po' di giustizia! Almeno nel mondo degli animali.
    Giovanni: ho una squadra di fotografi che batte le giungle, gli zoo e le comuni abitazioni private. Se rientrando in casa trovi uno sconosciuto che ti fotografa il gatto, è uno dei miei.

    RispondiElimina
  7. La tartaruga sta valutando. Si sa che c'e' una grossa taglia sul coccodrillo, che verrebbe pagata da Vuitton in persona; e in questi casi, e' troppo pesante sottomettersi a su una tal scomoda omerta'.

    RispondiElimina
  8. danilo mainardi5/5/07 00:21

    Ue' ero al bar con sgrignapola a bere il campari col bianco e mi ha detto di guardare i GCDN che c'era pane per i mei denti.

    Devo farvi notare che non e' un coccodrillo, ma un alligatore.

    Lascio stare disquisizioni professorali sulla forma del cranio. Il modo migliore per distinguerli e' sorprenderli proprio quando hanno la ridarella: il coccodrillo mostra sia i denti inferiori e superiori, mentre l'alligatore, che e' un po' piu' losco, soltanto quelli superiori.

    I coccodrilli sono piu' sinceri e meno approfittatori. Non si permetterebbero mai una atteggiamento simile e quella tartaruga ne sa qualcosa.

    RispondiElimina
  9. LaSpostata: ho fatto un calcolo del numero di borsette che se ne possono ricavare. La taglia deve essere MOLTO grossa. Temo che ora la tartaruga scivolerà sotto la pancia del coccodrillo e... oddio non voglio guardare.
    Danilo Mainardi: lei è il solito pozzo di scienza. Rinuncio a cambiare la didascalia perché so che, comunque, avrò fatto dozzine di altri errori. Quel cammello non sarà un dromedario? Quel furetto non sarà una donnola? Quel delfino non sarà una balena? Non parliamo di foche e otarie. E questa tartaruga non sarà una testuggine? Ahimé. Anche sul coccodrillo, sincero e poco approfittatore, mi spiazza. Con le sue lacrime, ho sempre pensato che il coccodrillo fosse l'incarnazione dell'ipocrisia.

    RispondiElimina
  10. e se la tartaruga la mollasse?forse il cocco si sposterebbe

    RispondiElimina
  11. Galadriel: io lo farei subito ma, purtroppo, le tartarughe sono molto contegnose. Preferiscono morire piuttosto che informare il mondo dei loro processi intestinali.

    RispondiElimina
  12. Hehehe le piace pero';)

    Se hai un attimo passa da me...big news;)

    M.

    RispondiElimina
  13. danilo mainardi5/5/07 17:56

    Egregio Signor Filter: non si deve perdere d'animo, distinguere un alligatore da un coccodrillo non e' per niente facile.

    Per dire, io e Piero Angela, per tenerci allenati, andiamo spesso in zone infestate da coccodrilli, alligatori, caimani e gaviali e raccontiamo loro barzellette del tipo "c'e' un italiano, un francese e un tedesco" cosi' quando vengono presi dalla ridarella, li incateniamo in una rigida tassonomia.

    La vita del divulgatore scientifico non e' fatta solo di lustrini e pailette.

    RispondiElimina
  14. Danilo Mainardi: sono ammirato. Immagino che uno dei vostri cavalli di battaglia sarà la barzelletta del russo del Don e del negro africano. So che al gaviale piace molto.

    RispondiElimina
  15. danilo mainardi6/5/07 17:05

    Filter, quella non la so, potrebbe aprire nuovi orizzonti nella ricerca etologica sui gaviali che tra coccodrilli e alligatori sono un po' i cugini sfigati!

    RispondiElimina
  16. Caro Mainardi, la provi, e poi mi faccia anche sapere come sono le uova. Di gaviale, intendo.

    RispondiElimina
  17. Un classico dello slang della mia meravigliosa città è stare in schiena, che significa avere qualcuno che preme, fisicamente o moralmente, per fare qualcosa (che a te in linea di massima non va di fare). Da qui mi vien da dire che la tartaruga, con schietto accento bolognese, sta dichiarando mo soccia 'sto coccodrillo mi sta in schiena di brutto!"

    RispondiElimina
  18. Ladra di caramelle, me lo segno. La prossima volta che incontro un bolognese fastidioso so cosa dirgli.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.